dipinto, raggi di luce bianchi e blu risplendono da dietro una montagna.
Storia

Anna Boberg: l'artista svedese che ha dipinto la bellezza dell'aurora boreale

Pittrice che ha immortalato i paesaggi artici delle Lofoten e della Norvegia settentrionale

di
Jolan Wuyts (si apre in una nuova finestra) (Europeana Foundation)

Anna Boberg è stata una poliedrica artista autodidatta famosa per le sue rappresentazioni di paesaggi artici delle Lofoten, in Norvegia, un luogo a lei caro e frequentato per tutta la vita.

Vita e formazione di Anna Boberg

Anna nacque nel 1864 in Svezia. La sua famiglia portava con sé una forte eredità artistica: ereditò la passione per l'arte dal padre, Fredrik Wilhelm Scholander, un importante architetto, e dalla madre, Carin Scholander, teosofa e traduttrice.

Nel 1887 si dedicò alla pittura, prediligendo soprattutto gli acquerelli. La sua prima mostra si tenne nel 1888. I suoi paesaggi includono, tra gli altri, studi di Gerusalemme, il sud della Francia e l'Italia.

dipinto, alberi contorti che crescono intorno a un edificio.
dipinto, due alberi che crescono davanti a una serie di edifici a cupola.
dipinto, alberi verdi e arbusti che crescono intorno a un edificio in un paesaggio rurale.

Nonostante la mancanza di una formazione artistica classica, a parte un breve periodo all'Académie Julian di Parigi alla fine degli anni Ottanta del XIX secolo, il talento di Anna fiorì.

Durante la sua permanenza a Parigi, incontrò il suo futuro marito, l'architetto Ferdinand Boberg. Nella fotografia qui sotto, Anna è seduta tra i suoi dipinti durante una mostra nel 1914 e chiacchiera con Ferdinand.

fotografia in bianco e nero, una donna seduta e un uomo in piedi in una galleria con dipinti alle pareti.

Quando Anna Boberg ha dipinto l'aurora boreale?

Anche se Anna ha iniziato a dipingere dopo un viaggio in Spagna, in base alla sua autobiografia sembra che la sua vita artistica sia iniziata solo nel 1901.

Fu allora che si recò per la prima volta nel nord della lNorvegia, accompagnando il marito. Il paesaggio delle Lofoten stregò Anna a tal punto che si rifiutò di tornare a casa con Ferdinando, che dovette tornare senza di lei. Egli inviò ad Anna del materiale per pittori affinché potesse immortalare la sua nuova ossessione.

dipinto, una montagna innevata in lontananza dietro l'acqua e il terreno coperto di neve.

Particolarmente affascinanti sono i dipinti di Anna sull'aurora boreale e il sole di mezzanotte, che ritraggono l'aurora boreale in tutta la sua misticità e vivacità di colori.

Nell'inverno del 1901, Anna tornò in Norvegia, scrivendo nelle sue memorie:

…quando la luna piena, come un sole fatto di ghiaccio, disperde la notte del mezzogiorno, quando l'aurora boreale divampa tra le stelle e le nuvole di tempesta e le onde si rincorrono, quando il Lofoten Wall forma una mirabile roccaforte con bastioni e torri di alabastro… e il armate di navi vichinghe punteggiano il mare. Ritorna allora, straniero, per ammirare l'apoteosi della bellezza e della natura selvaggia dell'Artico!

dipinto, aurora boreale in un cielo blu intenso sopra una montagna e l'acqua.
dipinto, raggi di luce bianchi e blu risplendono da dietro una montagna.

Ferdinand comprese presto che, da bravo architetto e marito, doveva progettare e costruire la loro casa in Norvegia.

Nei successivi 33 anni, Boberg tornò nelle sue amate Lofoten più di trenta volte, catturandone la bellezza eterea nei suoi dipinti. La cabina di Svolvaer, che Ferdinand aveva costruito per loro, era il suo pied-à-terre nel gelido nord.

dipinto, un porto sotto la neve, barche e una cabina dietro un terreno coperto di neve.
dipinto, barche in acqua con una cabina di legno sullo sfondo.

Anche se gli svedesi tardarono ad apprezzare i dipinti panoramici norvegesi di Anna, le sue opere ottennero grande attenzione a Parigi e negli Stati Uniti. La stampa americana arrivò a definirla «la più grande artista svedese».

L'ultima mostra di Anna ebbe luogo nel 1927. Nel 1929 Ferdinando e Anna tornarono a vivere a Stoccolma, in Svezia, dove Anna morì in seguito a complicazioni chirurgiche nel 1935.

Solo di recente Anna è stata riconsiderata dal mondo dell'arte svedese come una delle grandi pittrici di paesaggi scandinave. Dal 2018, la sua arte è in esposizione permanente al Nationalmuseum, il museo svedese di arte e design.


Traduzione revisionata da Laura Fanti e Cristina Gottardi