Mostre

Black lives in Europe

Artisti, ballerini e musicisti

Il contributo dei personaggi neri nell'arte europea, la danza e la musica mondiale

fotografia dell'installazione Vocation di Shonibare

I neri sono stati rappresentati nell'arte fin dal Medioevo, a volte in una luce positiva, mentre altre con immagini negative e dispregiative. I neri hanno anche storicamente fornito intrattenimento a ricchi europei con esibizioni musicali e di danza. Tuttavia, i traguardi personali delle persone nere in questi campi sono stati riconosciuti poco.

Juan de Pareja

L'artista barocco spagnolo Juan de Pareja si pensa sia nato schiavo intorno al 1610, probabilmente ad Antequera, in Spagna da madre africana e padre ispanico. Si sa poco delle sue origini. Si pensa che Pareja sia stato schiavo del pittore Diego Velazquez, di cui era assistente di laboratorio.

 ritratto di Juan de Pareja del pittore spagnolo Diego Velazquez.

Il primo riferimento noto di Pareja come pittore è del 1630, in una lettera indirizzata all'avvocato della città di Siviglia. Nella stessa, chiede permesso di trasferirsi a Madrid per continuare i suoi studi con il fratello. Considerando che non viene menzionato Velazquez nella lettera, si potrebbe pensare che in quel momento fosse già stato liberato dalla schiavitù oppure che non fosse mai stato schiavo, ma nato libero. A quei tempi, agli schiavi era proibito diventare pittori.

 Dipinto religioso di Cristo che appare nell'ufficio dell'esattore delle tasse e chiede Matteo a seguirlo. Juan de Pareja dipinse se stesso nella scena.

In un viaggio in Italia con Velazquez nel 1649, Velazquez dipinse il suo famoso ritratto di Pareja. La maggior parte delle fonti afferma che nel 1650, quando era ancora in Italia, Velazquez firmò un documento legale che avrebbe garantito a Pareja la libertà quattro anni più tardi, a condizione che non scappasse né commettesse reati in quel periodo. Se così fosse, l'affermazione che Pareja fosse emancipato nel 1630 sarebbe falsa.

Da quel momento fino alla sua morte nel 1670, Pareja lavorò come pittore indipendente a Madrid, in cui realizzò ritratti e opere religiose di grandi dimensioni. La Vocazione di san Matteo (1661) è considerato il suo capolavoro. In questa opera, si ritrae nella figura all'estrema sinistra mentre tiene un pezzo di carta in cui c'è scritto "Juan de Pareja nell'anno 1661".

Yinka Shonibare

Nel mondo artistico contemporaneo, l'artista britannico nigeriano Yinka Shonibare esplora l'identità, il colonialismo e il post colonialismo. Nacque a Londra nel 1962 da genitori nigeriani. La sua famiglia tornò in Nigeria quando Shonibare aveva tre anni. Ritornò a Londra all'età di 17 anni per fare la maturità. A 18 anni contrasse la mielite trasversa, un'infiammazione della spina dorsale, che comportò una disabilità fisica a lungo termine, lasciandogli un lato del corpo paralizzato.

Shonibare studiò Arte alla Byam Shaw School of Art e alla Goldsmiths University. Dopo gli studi, lavorò nello sviluppo delle arti presso Shape Arts, un'organizzazione dedicata a rendere accessibile l'arte alle persone con disabilità.

Fotografia di Shonibare come dandy a una festa aristocratica in cui viene adulato dall'alta società bianca.

La sua opera Diario di un dandy vittoriano: 19.00 ore fa parte di una serie di fotografie che lo dipingono come dandy ed emarginato, usando stile e stravaganza per entrare nell'alta società. La serie riflette lo stile delle caricature satiriche del pittore del XVIII secolo William Hogarth.

Nel 2002, a Shonibare fu commissionata dal critico d'arte, scrittore ed educatore nigeriano Okwui Enwezor la realizzazione della sua opera più riconoscibile, Gallantry and Criminal Conversation (Galanteria e conversazione criminale). Quest'opera gli diede fama internazionale.

fotografia dell'installazione Vocation di Shonibare

In molte delle sue opere d'arte, Shonibare utilizza stampe e tessuti africani riconoscibili. Alcuni di questi motivi, si crede che derivino originariamente dalle tecniche batik indonesiane, portate in Africa occidentale dai coloni olandesi. Per secoli, le compagnie olandesi esportarono tessuti in Africa occidentale. L'uso che Shonibare fa dei tessuti riafferma le complessità dell'identità e della cultura.

La sua installazione Vacation, prodotta nel 2002, mostra una famiglia di astronauti che indossa tute spaziali realizzate con tali tessuti. L'opera tratta le contraddizioni tra post colonialismo, la percezione di un'Africa "impoverita" e le conquiste scientifiche avanzate del mondo occidentale e le complessità delle dinamiche di potere nel paradosso colonizzato-colone-esploratore.

Scramble of Africa (2003) di Shonibare è una riproduzione della Conferenza di Berlino del 1884-1885, in cui i leader europei discussero tra di loro del continente africano e lo divisero per reclamare i suoi territori. Nell'opera, figure senza testa siedono intorno a un tavolo. L'assenza delle teste può essere vista come rappresentazione della perdita di umanità e identità dei leader europei.

Volevo rappresentare questi leader europei come senza cervello nella loro fame per quella che il re belga Leopoldo II definì "una fetta di questa magnifica torta africana".

L'opera è anche una disamina di come la storia si ripete. Shonibare afferma: "Quando la stavo realizzando, pensavo davvero all'imperialismo americano e alla necessità di risorse da parte dell'Occidente, come petrolio e come questo porta all'annessione di diverse parti del mondo".

Ignatius Sancho

 ritratto di un giovane Ignatius Sancho

Ignatius Sancho nacque intorno al 1729 su una nave di schiavi nell'oceano Atlantico. Quando la nave arrivò a Nuova Granada, Sancho fu venduto come schiavo. Tragicamente, sua madre morì poco dopo il loro arrivo nella colonia e si racconta che suo padre si tolse la vita per non dover vivere in schiavitù. Fu portato in Inghilterra prima di compiere due anni e lì fu venduto a tre sorelle a Greenwich e rimase schiavo per diciotto anni. Infelice per la sua mancanza di libertà, Sancho scappò a Londra a Montagu House, la casa del Duca di Montagu, che aveva incoraggiato Sancho a leggere e gli aveva dedicato attenzioni durante la sua visita a Greenwich. Mentre era a Montagu House, Sancho sviluppò un interesse verso la lettura, la poesia, la musica e la scrittura.

Sancho è principalmente ricordato come compositore, scrittore, attore e abolizionista. Dopo la sua morte, furono pubblicate le sue lettere. In queste lettere, Sancho dà un resoconto della sua vita, una prima descrizione della schiavitù scritta dalla prospettiva di uno schiavo.

Un ritratto a medaglione di Ignatius Sancho con il suo nome al di sotto.

Le coreografie di Sancho, create insieme alle sue composizioni musicali, sono meno documentate. Sancho lavorò su forme di danza comuni nella società georgiana, come minuetti, cotillon e danze country, antecedenti al balletto britannico.

Le sue opere di danza che sopravvivono oggi furono pubblicate originariamente in una serie di collezioni negli anni '70 del XVIII secolo. Attualmente, 24 delle sue opere di danza sono disponibili in collezioni pubbliche, mentre potrebbero essercene di più in archivi più ampi o privati.

Les Ballets Nègres

Nel 1946, 166 anni dopo la morte di Sancho, Les Ballets Nègres, la prima compagnia di ballo nera europea, fu fondata a Londra da Richie Riley e Berto Pasuka. I ballerini e lo staff venivano dalla Jamaica, Trinidad, Ghana, Guyana britannica, Nigeria e Germania. Mescolavano stili di ballo tradizionali caraibici e africani con danze moderne e temi relativi al colonialismo e al folklore africano e caraibico. La prima stagione durò otto settimane, fece sold out al botteghino e fece un tour di successo in tutta Europa.

La compagnia chiuse nel 1952, in quanto non furono in grado di sopravvivere solo con la vendita dei biglietti e i finanziatori si rifiutarono di supportarli. Sebbene fossero pionieri del loro tempo, sono a malapena riconosciuti nella storia della danza europea.

Yannick Noah

Yannick Noah con un microfono in mano che canta sul palco

L'ex tennista francese Yannick Noah iniziò la sua carriera musicale nel 1991 con il suo album Black or What. La traccia conclusiva Saga Africa divenne una celebre hit estiva in Francia, raggiungendo il disco d'oro. Sebbene la maggior parte dell'album sia in inglese, i testi di Saga Africa, composti da Noah, sono un misto di espressioni francesi e camerunesi, e include anche un tributo alla nazionale di calcio camerunese.

Noah nacque nel 1960 e passò la sua infanzia nel Camerun. È figlio del calciatore camerunese Zacherie Noah e della francese Marie-Claire.

Il suo album del 2006 Charango vendette più di un milione di copie e la sua canzone Aux arbres citoyens arrivò al primo posto nelle classifiche francesi per tre settimane. La canzone parla della difesa dell'ambiente e di motivare la gente a proteggere il nostro pianeta. È spesso cantata nelle scuole francesi.

Nel 2010, tornò con il suo ottavo album, con il singolo Angela, dedicato all'attivista politica americana Angela Davis.

Fête de la musique: Yannick Noah en concert à Central Park, Thomas Viguier for AFP, Institut national de l'audiovisuel, In Copyright

Oltre alla sua carriera musicale, Noah è principalmente noto come ex tennista professionista. Durante la sua carriera da tennista, che durò quasi venti anni, vinse un totale di 23 titoli di singolo e 16 di doppio, raggiungendo il terzo posto nel ranking mondiale di singolo nel luglio 1986 e il primo posto di doppio, il mese successivo. Fu anche capitano dei team francesi della Davis Cup e della Fed Cup e nel 2005 fu inserito nella International Tennis Hall of Fame.

 Fotografia in bianco e nero di un giovane Yannick Noah che gioca in un campo da tennis