You're viewing this item in the new Europeana website. View this item in the original Europeana.

busto di Giulia di Tito

cammeo

Il cammeo è molto probabilmente identificabile con la "Julia di Tito di corgnola col fondo bianco" descritta da Averardo Serristori, ambasciatore fiorentino a Roma, tra le anticaglie del vescovo di Viterbo Sebastiano Gualterio acquistate nel 1575 dal granduca Francesco I al termine di un lungo negoziato, al quale presero parte, in veste di mediatori, il cardinale Ferdinando de' Medici e l'incisore…