You're viewing this item in the new Europeana website. View this item in the original Europeana.

busto di Onfale

cammeo

L'opera fu reputata antica da Anton Francesco Gori, che la pubblicò all'interno del primo volume del "Museum Florentinum" (tav. XXXV, 5). Tommaso Puccini lo elenca nel catalogo dei calchi da scambiare con il Cabinet des Antiques di Parigi, ma non lo considera antico. La cornice è da datare al Cinquecento, fornendo anche una possibile datazione della pietra allo stesso periodo.