You're viewing this item in the new Europeana website. View this item in the original Europeana.

New England Houses (Providence)

Con tutta probabilità l'opera - ancora una tecnica mista su carta - venne realizzata a Providence all'inizio del marzo 1948. Il punto di vista elevato, rispetto al livello della strada, presenta una visione del paesaggio urbano secondo una propettiva obliqua, tipicamente congdoniana, che taglia di traverso la composizione dando luogo a spazi confliggenti: si noti la fuga in profondità della piattaforma innevata a destra e il protendersi in avanti della casa sulla sinistra, e ancora, sullo sfondo, l'apparizione di un agglomerato sulla collina, presumibilmente la Hill di Providence, cui dunque sembra contrapporsi, con crudo realismo sociale, una squallida periferia industriale. Ma una sottile vena di humour kleeiano - si vedano ad esempio le automobiline infantili in primo piano - non consente una lettura così univoca. Deve essere inoltre rimarcata la tendenza al monocromo ottenuta con la tinta della carta del supporto, e con la dominante presenza del bianco e del nero.