You're viewing this item in the new Europeana website. View this item in the original Europeana.

tazza

Il vaso è documentato agli Uffizi fin dal 1704. Esso si ricollega alla produzione dell'ultimo trentennio del XVI secolo quando le opere più correnti delle botteghe granducali si caratterizzano per le linee semplici, che consentivano il massimo risalto della pietra impiegata, oppure per l'uso di semplici ornati incisi o scolpiti, tra cui i fregi a baccellature sono tra i più frequenti.


Coppa biansata a sezione orizzontale ovale con superficie mossa e decorata nella metà inferiore del corpo da baccellature, incise e scolpite che si diramano dalla base. Poggia su piedistallo con doppio ndo di cui, quello di raccordo con il vaso, è in argento dorato. Le anse a voluta sormontate da un pomello scolpito sono raccoordate alla coppa da una fascia d'argento dorato.