You're viewing this item in the new Europeana website. View this item in the original Europeana.

ritratto di Alvise Cornaro

dipinto

Negli antichi inventari, già a partire da quello del 1698, la tela è considerata di Tiziano; tale attribuzione resta fino al 1829 quando il dipinto è dato al Tintoretto. Esso fu spostato, all'interno di Pitti, dalla camera dell'alcova alla stanza di Saturno, alla sala di Apollo, alla sala di Giove. Negli inventari dal 1600 al 1800 la cornice di questo quadro è descritta come intagliata e dorata; quella attuale è antica, ma non è piu 'l'originaria e inoltre la luce è più grande della tela.